Lavoreranno rimanendo solitari ed in silenzio nelle loro celle ricordando le parole della Scrittura: "Sieda costui solitario e resti in silenzio [...](Lam3,28). (dalla Forma di vita)


Ogni Monaco contribuisce con il suo lavoro al mantenimento della Comunità "senza chiedere nulla in compenso" ma accettando ogni cosa in carità , quale frutto della divina Provvidenza. Nulla è infatti dovuto al Monaco per il suo lavoro in quanto egli, dopo aver fatto tutto quanto doveva fare , “è servo inutile".


I Monaci lavorano in qualità di operai a domicilio per alcune fabbriche della zona. Le ultime due ore del lavoro giornaliero sono invece dedicate ad attività creative: pergamene con scritte medioevali con miniature, confezioni di bomboniere, ricami, rammendo, decorazioni di cornici e specchi, piccoli angioletti, infilatura delle collane, rilegatura di libri ecc...

Iscritivi alla nostra newsletter